© 2018          MATTEO RAMPIN ARCHITECTURE

  • Bianco Google Places Icona
  • White Facebook Icon
  • Archilovers B
  • White Twitter Icon
  • White LinkedIn Icon
  • White Instagram Icon
  • White Pinterest Icon
  • White YouTube Icon
  • White Vimeo Icon
  • Bianco Google+ Icon
Project M_005

CONCORSO PER LA REALIZZAZIONE DI UN’OPERA D’ARTE PER L’ABBELLIMENTO DELLA NUOVA CASERMA DEI VIGILI DEL FUOCO, MAGAZZINO COMUNALE, PIAZZOLA ELISOCCORSO DI FAI DELLA PAGANELLA 2011

Architetto Matteo Rampin + Architetto Leonardo Pugin

“Forme e materiali in sintonia con il luogo dove sorgono” questo, è l’idea per la realizzazione di quest’opera, una scultura pensata e studiata nelle forme e nei materiali per essere parte integrante del paesaggio che la circonda.

Un’opera che è stata creata pensando di rappresentare anche simbolicamente l’edificio che la circonda, perché così come in un’unica struttura sono stati accorpati vari enti, così la scultura nel suo articolarsi di forme di spazi vuoti e pieni e di materiali resta in realtà un’unica opera.

Acciaio corten e legno i materiali che compongono la struttura, calcestruzzo il basamento su cui verrà installata.

Le quattro lame di acciaio corten si sviluppano dalla base verso l’alto e nello stesso tempo anche lateralmente come se fossero attratte in più punti assumendo delle forme irregolari che ricordano i pendii delle montagne.

Queste lastre oltre ad avere ognuna, delle forme che le rende unica lo sono anche nell’uso dei colori e dei materiali, alternandosi infatti lastre di acciaio corten di colore naturale a lastre di acciaio corten verniciate di colore grigio, creando così un contrasto di colori le une con le altre.

Le loro forme irregolari vanno a rastremarsi verso l’alto come se cercassero uno slancio per elevarsi verso il cielo, l’unico elemento che le trattiene e le lega tra loro tenendole unite una all’altra sono degli inserti in legno posizionati orizzontalmente  che danno l’idea di bloccare le lame come se volessero frenare la forza verticale delle lastre che si proiettano verso l’alto.

1/2